NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand
Il Tempo della Messe
istantanee di Marco Spaggiari
 

coMuNiCAto sTAmPa | opeRE | aLLestimeNTO | vERnice | rASsEgna sTAmPa

 
spaggiari intro 
 

Martedì 10 giugno 2014 alle ore 19, nell’ambito di FotoLeggendo/10 2014, si inaugura a INTERZONE Galleria Studio di Fotografia la mostra IL TEMPO DELLA MESSE, istantanee di Marco Spaggiari.

Perché una immagine sia una immagine occorre sia, tendenzialmente, non trasparente, ovvero occorre che assuma su di sé la responsabilità di far vedere, di portare a visibilità ciò che, altrimenti, resterebbe non vedibile.” (Luca Farulli)

Il Tempo della Messe è un'esposizione di oltre settecento scatti polaroid sedimentati in 25 immagini. Istantanee singole e composite, in tiratura unica, strutturate in scatti sovrapposti da un fotografare che mira oltre il visibile alla ricerca di altra forma nella forma. Un ricostruire, non un rappresentare, che cerca di render concreto ed esperibile un mondo visuale nato dal sensorio e dall'immaginato. Immagini che scandagliano prevalentemente il territorio reggiano giocano sospese con le prime nebbie del mattino, tra pali della luce, casolari immersi in lande dove tracce e solchi inscrivono nella terra la poeticità di una provincia tutta. Polaroid che come dei dispositivi cercano di portare a visibilità tutta la belligeranza possibile quale antagonista della menzognera armonia che riveste il sensibile. Nel manifestarsi del gesto irripetibile si trovano condensati sensorialità e pensiero nati in un mondo che anche in questo preciso istante “accade”. Come lo stesso Marco Spaggiari scrive: “Gesti che nascosti accadono, necessari come noi, mentre noi d'altro si ‘vive’”.

Opere realizzate tra il 2012 ed il 2014 su pellicola Fujifilm FP3000b e FP100c con un apparato Polaroid Colorpack III del 1970.

Marco Spaggiari nasce a Correggio (RE), il 26 Aprile 1974; vive e lavora a Fabbrico (RE). Diplomato all’Accademia di Belle Arti di Bologna nel corso di pittura tenuto dal professore Massimo Pulini nel 2009 con una tesi dal titolo “Un diario ceduo - Un percorso fra convenzionalità e spregiudicatezza della forma da Delacroix a Cézanne” (relatrice Cristina Frulli; Storia dell'Arte), e nel 2012 con una tesi dal titolo “L'atto fotografico, coscienza del mondo” (relatore Luca Farulli; Estetica e New Media).


THE HARVEST TIME

snapshots by Marco Spaggiari 

“To be considered as is, an image should, by nature, be non-transparent. In other words it should allow you to see, or disclose, what, otherwise, will not be seen.” (Luca Farulli)

The Harvest Time is an exhibition of over seven hundred polaroid snapshots framed inside 25 portrays. Unique pieces of single and multiple exposures, organized in overlapped shoots, searching for another type of form, beside the appearance, through the act of photography. Recreating, instead of representing, with the intention of making real and express a visual world originating from the senses and imagination.

Images, mostly from the countryside surrounding Reggio Emilia, playing in suspense with the early morning fog, between the power line and nearby rural houses, where the poetry of the whole province is scratched by traces and scarves. Polaroids are devices aiming to show the polarity governing the tangible world. The emergence of the irreproducible act condenses the senses and thoughts originating from a flowing world. Like Marco Spaggiari writes: “Invisible actions are essential and they occur everyday, while we are living our lives without paying attention to them”. Images produced with a 1970 Polaroid Colorpack III on Fujifilm FP3000b and FP100c film between 2012 and 2014.

Marco Spaggiari, born in Italy in 1974, presently lives and works in Fabbrico (Reggio Emilia). He obtains academic degree in painting (Prof. Massimo Pulini) at the School of Fine Arts in Bologna in 2009 and 2012 with graduated works on Art History and Aesthetic. Following a natural need of presenting transmedia images, he’s involved with the same intensity in photography, drawing, painting with the aim to bring out the moment of knowability researching ways to wake up new senses. Presently he works on numerous exhibitions, publications and pursues his career with conferences and researches.

 

Esposizioni-riconoscimenti-pubblicazioni

 

2013 | settembre, “Polaroid”, esposizione fotografica all'interno dell'iniziativa “Rimini. Foto di Settembre”, in collaborazione con il Comune di Rimini, Museo della Città (Pinacoteca), Rimini;
 
2013 | maggio, “Semignari”, presentazione della Tesi di Laurea “L'atto fotografico, coscienza del mondo” alla cittadinanza di Correggio, un incontro voluto dalla Biblioteca Correggio in collaborazione con il Centro Culturale Lucio Lombardo Radice, Correggio (RE);
 
2013 | aprile, “Immagini Occhificate”, esposizione fotografica, presso Galleria Spazio Meme (Carpi - MO) – annessa alla mostra conferenza-dialogica dal titolo “il fotografare: verso altri possibili” con il prof. Luca Farulli;
 
2012 | novembre, “Immagini Occhificate”, esposizione fotografica, presso Libreria Modo Infoshop (Bologna) – annessa alla mostra, presentazione del catalogo omonimo in edizione limitata e conferenza-dialogica dal titolo “sul fotografare” con il prof. Luca Farulli;
 
2012 | settembre, “Cefeo”, installazione site-specific presso Spinafestival, presso Casa Museo Remo Brindisi, Lido di Spina (Comacchio, FE), opera pubblicata nel catalogo dell'iniziativa;
 
2011 | marzo, “L'Altrove”, Ferrara;
 
2011 | gennaio, “Che peccato!”, (Collettivo CENTONOVE), Arte Fiera OFF, Bologna;
 
2010 | dicembre, “Futuri Trascorsi”, installazione site-specific per il venticinquennale della Coopertiva Coopselios, presso Centro Internazionale Loris Malaguzzi (RE), opera pubblicata nel catalogo dell'iniziativa;
 
2010 | ago./ott., “La Quarta Dimensione in Quattro Atti” (con il Patrocinio dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, patrocinata dal Comune di Comacchio), presso Palazzo Bellini, Comacchio (FE), opera pubblicata nel catalogo dell'iniziativa;
 
2010 | agosto, “Ant Work – Giovani produzioni in rete tra Modena, Reggio Emilia, Parma” (promossa dal comune di Reggio Emilia, Spazio Gerra, Officina delle Arti, con il contributo di Fondazione Manodori), presso Spazio Gerra (RE);
 
2010 | luglio, “Biennale delle Arti città di Molinella” (in collaborazione con Accademia di Belle Arti di Bologna, con il patrocinio del Comune di Bologna), Molinella (BO);
 
2010 | marzo, “6° Biennale Concorso di Pittura Contemporanea Pierpaolo Germano Tassi” (primo premio), Vignola (MO);
 
2009 | agosto, “Immagini per un archivio storico della Pietà”, presso Chiesa di S. Giovanni Battista, Penne (PS);
 
2009 | luglio, “Il gioco”, Torre Civica, Nobiliaria (PU);
 
2009 | giugno, “Strategia dell’Enigma” (dir. Artistico), Notte Bianca, Correggio (RE);
 
2009 | maggio, “Giovane Pittura”, (patrocinata dal Comune di Reggio Emilia, dall’Assessorato Cultura e dai Musei Civici), presso Officina delle Arti, Reggio Emilia;
 
2008 | dicembre, “Immagina – Arte Fiera di Reggio Emilia”, (selezione studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna), Reggio Emilia, opera pubblicata nel catalogo dell'iniziativa;
 
2008 | giugno, “Trapassato presente” (dir. Artistico della collettiva), Notte Bianca, Correggio (RE);
 
2008 | giugno, “Borborigmi”, Soppalco Davide Benati, Accademia Clementina, Bologna;
 
2008 | maggio, “Crespellano in Arte” (selezione studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna), Crespellano (BO) – opera pubblicata nel catalogo dell'iniziativa;
 
2007 | giugno, “A furor’ di popolo” (dir .Artistico della collettiva), Notte Bianca, Correggio (RE);
 
2006 | giugno, “All’incrocio”, Torre Civica “Campanon”, Guastalla (RE);
 
2005 | dicembre, “Paranoica”, Palazzo dei Principi, Correggio (RE);
 
2005 | settembre, “Treperdue”, Torre Civica, San Polo d’Enza (RE);
 
2005 | luglio, “Fuori i Talenti – giovani artisti nelle gallerie della città”, patrocinata dal Comune di Reggio Emilia, dall’Assessorato Cultura e dai Musei Civici - opere pubblicate nel catalogo dell'iniziativa;
 
2005 | marzo, “Il Senza Titolo”, Cavriago (RE); 2004 | settembre, “Donne Disegni”, Galleria Metamorfosi (RE);


IL TEMPO DELLA MESSE, istantanee di Marco Spaggiari

a cura di Michele Corleone
in mostra dal 10 giugno 2014 al 25 luglio 2014
 
martedì - venerdì, ore 15 – 20,30
lunedì, sabato e domenica, chiuso
per informazioni: +39 347 5446148

 

La mostra è realizzata in collaborazione con CameraOscura di Roma.

Catalogo mostra edito da INTERZONE [15x23 cm. - pp. 68 - €22 + poster autografo in 1/25 copie]

 

 

Ufficio Stampa

Michele Corleone
+39 347.5446148 (orari: 11.00-13.00 e 16.00-18.00)

 

INTERZONE Galleria Studio di Fotografia

Roma, Via Avellino 5
Mezzi di trasporto pubblici da Stazione Termini
Bus 105, (direzione Staz.ne Grotte Celoni), fermata Sant’Elena;
Tram Roma-Giardinetti, da Via Giolitti, fermata Sant’Elena.
 
 
Partners:
 
partner cameraoscura      partner fotoleggendo 
 
 
 
 
 
 
 
Media Partners:
partner fotocult partner sonicart partner thetrip

 

 

 


Immagini non fotografie

di Luca Farulli

Perché una immagine sia una immagine occorre sia, tendenzialmente, non trasparente, ovvero occorre che assuma su di sé la responsabilità di far vedere, di portare a visibilità ciò che, altrimenti, resterebbe non vedibile. Già Platone ci pone su questa strada quando, nel dialogo Cratilo, invita a distinguere tra la copia di una persona vivente e la sua immagine: “Potrebbero essere due cose queste – chiede il Socrate platonico –, per esempio Cratilo e l’immagine di Cratilo, se un dio non solo raffigurasse il tuo colore e la tua forma, come fanno i pittori, ma anche tutto il tuo interno facesse quale tu hai, le stesse tue morbidezze riproducesse e gli stessi calori tuoi, e moto e anima e mente vi ponesse dentro come sono in te, e, in una parola, quali sono tutte le cose che tu hai, altrettali e altrettante ne ponesse vicino a te? Avremmo, in tal, caso, Cratilo e l’immagine di Cratilo, o addirittura due Cratili?”; “Due Cratili” risponde l’interlocutore. La qualità non trasparente è il contrassegno distintivo tra una replica dell’oggetto prodotta da un medium e la resa di quell’oggetto stesso attraverso una immagine, la quale svolge la prestazione di offrire un di più di essere. Dalle “immagini autentiche”, afferma Gottfried Boehm, “ci attendiamo non solo una conferma di quanto già sappiamo, ma un plusvalore”. In questo senso, quando parliamo di immagini, parliamo sempre dell’uomo, che ne è “naturalmente” il suo “luogo”: “Nonostante tutte le apparecchiature con le quali oggi siamo in grado di immagazzinare le immagini – scrive Hans Belting –, è soltanto l’uomo il luogo in cui le immagini trovano una spiegazione e un significato naturale (dunque sfuggente, difficilmente controllabile ecc.)”, sebbene l’uso di tali apparecchiature voglia imporre l’applicazione di alcune norme”.  E’ per e da un tale orizzonte d’attesa vivo che vengono realizzate immagini. Ciò non significa che il medium con il quale tali immagini vengano realizzate sia privo di rilevanza specifico, ma la questione centrale resta quella della realizzazione della realtà per immagine, aspetto che tiene l’equilibrio tra assoluta trasparenza e totale opacità dell’immagine. Questo rilancia la centralità dell’arte in quanto mediazione necessaria affinché esista realtà, dimensione che è posta in essere, appunto, dalla fatica della realizzazione, la quale si misura con il materiale della percezione, dando ad esso forma, costrutto plastico. “Notoriamente la percezione è un’operazione analitica – nota ancora Belting – nella quale raccogliamo stimoli e dati visuali. Ma essa si conclude in una sintesi in cui l’immagine emerge soltanto come ‘figura’”. Si tratta di qualcosa di molto vicino a quanto Paul Cézanne affermava in una delle ultime lettere a Émile Bernard, quando si richiamava alla propria: “ostinazione con cui perseguo la realizzazione di quella parte della natura che, cadendo sotto i nostri occhi, ci dona il quadro”.

In questo orizzonte problematico si collocano le immagini prodotte da Marco Spaggiari: potenti opere di costruzione artistica della realtà.

Ogni immagine è, non specchio, non trasfigurazione, bensì riflessione. In queste immagini non vi è cedimento al dettame del soggetto: non vi sono riprese di soggetti o temi che si qualifichino in sé come artistici. A ben vedere, il termine artistico è qui accettabile unicamente in virtù del suo valore di mediazione riflettuta, facendo giustizia di altre possibili coniugazioni nel senso di una piacevole immagine ad arte. La medesima indisponibilità rinvenibile sul piano dell’incompatibilità con la artisticità naturale del soggetto ripreso, vale qui per l’estraneità rispetto al piacevole, costituito dalla cattura del momento felice, di per sé significativo. Non si tratta di immagini commestibili, o di genere “culinario” nell’accezione adorniana del termine. Qui domina la fatica della realizzazione, con cui si fa emergere la realtà, la si rende visibile in modo significativo: a dispetto di ogni riproducibilità delle immagini, in quanto fotografiche. Ecco la ragione della scelta di distinguere immagine e fotografia. L’esodo dall’aura non autorizza a immagini prodotte dall’apparato, al libero giuoco dell’inconscio ottico, così fortemente tematizzato tra L. Moholy-Nagy  e W. Benjamin. La “ostinazione” nella realizzazione frutta immagini fantasmatiche le quali, invece di fluttuare, stanno: si reggono sulle gambe, rispetto alla mobilità e fluttuazione della percezione; stanno, in quanto immagini esterne, di contro al facile cedimento sul piano lirico, delle immagini meramente interiori. Proprio in virtù di tale fatica nel stare, esse reggono il medio tra trasparenza ed opacità e si rivolgono, come potenti monumenti, all’uomo come luogo delle immagini; offrono il loro “plusvalore”, donano una crescita, comunicano esperienza.

 

partners

     

 

   
partner sony partner cameraoscura partner tetenal partner arsimago partner fotocult partner sonicart partner thetrip
partner fotoleggendo  partner afi blutopia logo partner tg partner roam 
partner hipstamatic partner obiettivo granieri partner Logo Rudi Records NERO cdc   partner officinefotografiche       logo completoAvarie
partner juliet partner luce  panzoo logo nodes3 logo nc nero
fuoco della fotografia LOGO ajaxmail   1237572 545063022227889 834726606 n logo kino drago 
logo about bb logo 5M