NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand
Nel tempo
fotografie di Ninni Romeo
 
Santiago romeo
 
Un’esposizione di poco più di ottanta immagini e stampe realizzate nel tempo.
In mostra fotografie scattate in luoghi diversi dal Duemila a oggi, ad eccezione di due immagini e stampe risalenti alla metà degli anni Settanta.
 
 
A cura di Lorenzo Castore
testo di Olivier Wickers
 
stampe b/n ai sali d’argento Matteo Alessandri
realizzazioneCAMERAOSCURA

 

inaugurazione venerdì 12 aprile 2013 dalle ore 18.30 alle ore 22.00

cocktail dalle ore 18.30

Incontro in galleria per la stampa con Ninni Romeo dalle ore 17.00 alle ore 18.00

 

in mostra dal 12 aprile al 28 maggio 2013
lunedì, mercoledì, venerdì, ore 15.00 - 18.00
martedì e giovedì, ore 15.00 - 20.30
sabato, su appuntamento telefonico

 

Nel tempo
fotografie di Ninni Romeo

Esiste in francese un proverbio che ricorda: “dimmi chi abiti - ovvero chi vedi, chi frequenti - e ti dirò chi sei”.
Si avrebbe voglia invece, con le fotografie di Ninni Romeo, di adattarlo a ciò che si vede: “dimmi ciò che ti abita e ti dirò chi sei”. A meno che non si debba anche correggere il tempo del verbo: ti dirò chi tu fosti.
 
La Romeo ci porterebbe, quindi, verso il Passato, che è un altro modo di attendere l’avvenire, non perdendo troppo tempo nel presente, questo presente sempre fugace, che appena si guarda è già svanito?
Dunque ritorneremmo sui suoi passi, non tanto per prendere tempo o per perderlo, quanto, piuttosto, per riprenderlo. Questi recuperi - le fotografie di Ninni Romeo - mi sembrano soprattutto delle riprese, come se, per bontà, nel foyer deserto del teatro, recitassero una scena solo per voi perché, arrivati in ritardo, avete perso lo spettacolo - o, di sera, un vestito, un tessuto strappato che così slabbrato lascia entrare il freddo sulla vostra pelle, venisse rammendato da una mano amica che posata su di voi usa il filo e l’ago per venirvi in aiuto.
 
Quindi le fotografie di Ninni Romeo ricuciono. Ma soprattutto ci rendono qualcosa - non soltanto come se si restituisse un momento, un luogo, oppure un oggetto perduto al suo proprietario.
Esse ci rendono ciò che non abbiamo avuto. Sviluppano quei negativi interiori che noi, sempre di fretta, distratti, non sappiamo di avere impressionato. Sono la memoria di ciò di cui siamo stati deprivati senza essercene accorti: visi e corpi che tra due porte, in un angolo del salotto, su una terrazza in riva al mare, vicino a un letto, contro un muro, furono soltanto intravisti, appena percepiti.
 
Qui, un passato sconosciuto si mette in posa. Un passato sconosciuto e al tempo stesso familiare. Lo guardiamo oggi e ci stupiamo di ricordarcene. Ma noi c’eravamo, anche noi, con quella coppia, quella donna, quei bambini, quel bell’uomo, o di fianco a quel viso enigmatico che non ci guarda più! Ci aspetteremmo addirittura di figurare nella fotografia: avevamo parlato e chiesto loro un’informazione, adesso ci ritornano degli odori e dei suoni. A meno che, grazie alla fotografia, non ci sembri di essere lì, ora, così fortemente, così completamente, al punto di credere di esserci ritornati, mentre invece non c’eravamo più di tanto.
E Ninni Romeo – c’era anche lei? Non sono appunti di viaggio quelli che lei ci presenta, né “Memorie”, tanto eloquenti da non aver bisogno di parole. Ma sì, lei c’era, per forza, affinché possiamo esserci un po’ anche noi e, a rischio di affaticare il mio traduttore, ancora meglio, lei “ne” era parte di quel momento, di quel cerchio che si crea quando uno sguardo si posa sugli esseri e le cose.
 
Le sue fotografie non sono un diario, la parola Corrispondenza sarebbe più appropriata. Spesso si crede che la fotografia serva alla memoria e alla conservazione. Sono convinto, al contrario, che sia ricreazione. Rendendoci inattuali, facendoci superare l’aneddoto, ci dà un presente d’eternità.
 
Non solo, quindi, consiglierei ai collezionisti di acquistare le fotografie della Romeo, ma di constatare quanto queste fotografie ci mostrino che tutti noi siamo una collezione di momenti. Ed ecco che questa mostra ci dà l'occasione di aumentarne il numero, l'intensità e la durata .
Le fotografie di Ninni Romeo non cambieranno questi esseri discontinui, pieni di buchi, spalancati, che noi siamo. Ma, almeno, ci prolungano indefinitamente e una volta arrivati alla fine della parete della sala espositiva si rimpiange che non ci siano altre fotografie, che non continui, come quando con una musica si vorrebbe che la nota durasse ancora, a teatro o in un libro che la frase non finisse già.
 
Alla fine nulla ci guarisce meglio dalla paura della morte che la certezza di aver vissuto (o quella di aver potuto vivere). E questo ce lo dà solo un certo genere di opere, le migliori, le più umane pur nella loro insufficienza (non essere che se stesse, non altro che delle immagini o delle parole). La fotografia di Ninni Romeo appartiene a questo genere. Si potrebbe credere che raccolga, colga, e invece no, semina: un seme in noi che non smetterà tanto presto di germogliare.

Olivier Wickers

Traduzione dal francese di Antonia Gozzi

 

in mostra dal 12 aprile al 7 maggio 2013

 

Ninni Romeo
Nasce a Catania, vive tra Roma e la Sicilia. Impegnata per anni in esperienze professionali inerenti la sua formazione giuridica, riabbraccia l’antica passione per la fotografia grazie anche a fortunati “incontri”. Tra i più importanti quelli con la coreografa Pina Bausch e il fotografo Michael Ackerman. Nel 1986 inizia, con lo spettacolo “Palermo Palermo”, la mai interrotta collaborazione con il Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch, della quale è assistente personale durante le sue creazioni e tournée italiane e nel 2002, con la guida di Ackerman, inizia il suo percorso fotografico. Dal 2003 fotografa le prove e gli spettacoli dell’autrice e regista Loredana Putignani. Dal 2004 espone in mostre personali e collettive. Nel 2005, con altre donne fotografe, costituisce in Sicilia l’Associazione culturale “Obiettivo Granieri” per la promozione e la diffusione della Fotografia d’autore www.obiettivogranieri.net Insieme alla fotografa napoletana Cristina Ferraiuolo ha curato la pubblicazione “Unni si?” (Contesti editore 2006) e, per FotoGrafia Festival Internazionale di Roma, edizioni 2007-2008-2009, la rassegna “taliannu taliannu”, la mostra collettiva “I bought me a cat” e “La gioia di vedere oltre il visibile”, personale del fotografo sloveno non vedente Evgen Bavcar. E’ curatrice dell’esposizione di foto storiche di famiglia GRANIERI F., agosto 2012, e del progetto ancora in corso, “Granieri: un paese che fotografa se stesso”. Ha pubblicato per riviste e quotidiani italiani e stranieri. Liebe Pina, omaggio a Pina Bausch, personale, dal 22 febbraio al 22 aprile 2013 al Teatro delle Muse di Ancona.
 
Olivier Wickers
Ha cinquant'anni, vive a Parigi. Tiene una rubrica d'arte e spettacoli in un settimanale di economia. Ha pubblicato su Sartre, Caravaggio e Proust.
 
Lorenzo Castore
È nato a Firenze nel 1973, vive a Roma. È rappresentato dall’agenzia e galleria VU’ di Parigi dal 2003. Ha esposto in numerose mostre in Italia e all’estero, personali e collettive. Il suo lavoro è caratterizzato da progetti di lungo termine che hanno come tema principale la vita, la memoria e la relazione tra piccole storie individuali e la Storia. Ha pubblicato due libri: Nero (Federico Motta Editore, 2004) e Paradiso (Peliti Associati, Lunwerg Editores, Actes Sud, Edition Braus, Apeiron, Dewi Lewis Publishing, 2006) che ha vinto il Leica European Publishers’ Award 2005.
 
Matteo Alessandri
È nato a Roma nel 1972, vive a Roma. È fotografo e stampatore di b/n fineart. Ha esposto in diverse personali e collettive. Insegna presso l’ISFeCI di Roma dal 2000. Ha lavorato nel campo pubblicitario, giornalistico e in progetti di ricerca antropologica. Dal 1998 fa parte di CAMERAOSCURA, Associazione fotografica impegnata in formazione, ricerca e produzione. Cura la stampa e l'allestimento per diversi autori e curatori italiani ed è impegnato nella fotografia di ricerca, di arte e di architettura.
 
 
Ufficio stampa
Cristina Nisticò
+39 3391527127 (orari: 11.00-13.00 e 16.00-18.00)
cristinanist.press@gmail.com

 

partners

     

 

   
partner sony partner cameraoscura partner tetenal partner arsimago partner fotocult partner sonicart partner thetrip
partner fotoleggendo  partner afi blutopia logo partner tg partner roam 
partner hipstamatic partner obiettivo granieri partner Logo Rudi Records NERO cdc   partner officinefotografiche       logo completoAvarie
partner juliet partner luce  panzoo logo nodes3 logo nc nero
fuoco della fotografia LOGO ajaxmail   1237572 545063022227889 834726606 n logo kino drago 
logo about bb logo 5M